Castello Cerimonie: confisca lottizzazione abusiva

Tabella dei Contenuti

Lottizzazione abusiva: scopri di più sul reato e le conseguenze, con approfondimenti giuridici e casi di studio

Il 16 febbraio 2024, la Corte di Cassazione ha emesso la sentenza conclusiva sul caso del celebre Castello delle Cerimonie, noto per le sontuose feste nel paese di Sant’Antonio Abate, provincia di Napoli, dichiarandolo definitivamente oggetto di una lottizzazione abusiva protrattasi per circa quarant’anni.

Cosa è la Lottizzazione Abusiva?

La lottizzazione abusiva, regolamentata dall’art. 30 del D.P.R. 380/2001, consiste nell’avvio di opere che comportano una trasformazione urbanistica o edilizia dei terreni in violazione delle prescrizioni degli strumenti urbanistici, senza autorizzazione.

Questa trasformazione avviene attraverso il frazionamento e la vendita del terreno in lotti, con l’intento di edificare illegalmente.

Criteri di Valutazione

L’illegalità della lottizzazione si basa su diversi criteri:

  • Dimensione dei lotti
  • Destinazione d’uso
  • Numero e ubicazione dei lotti
  • Opere di urbanizzazione previste
  • Chiara destinazione edificatoria denunciata dagli acquirenti.

Differenza tra Lottizzazione Abusiva e Abuso Edilizio

La lottizzazione abusiva implica una trasformazione significativa dell’assetto urbanistico, diversamente dall’abuso edilizio, che richiede una valutazione caso per caso da parte del giudice.

Il reato di abuso edilizio

L’abuso edilizio è, quindi, un reato che si verifica quando vengono realizzate opere edilizie in violazione delle leggi urbanistiche vigenti. Si tratta di un reato che può avere conseguenze penali ed amministrative.

per approfondire il reato di abuso edilizio clicca qui

Le principali fattispecie di abuso edilizio sono:

  • Realizzazione di opere senza le necessarie autorizzazioni: in questo caso, si configura il reato di “abuso edilizio senza permesso di costruire”.
  • Realizzazione di opere in difformità dal permesso di costruire: in questo caso, si configura il reato di “abuso edilizio con permesso di costruire”.
  • Prosecuzione dei lavori dopo l’ordine di sospensione: in questo caso, si configura il reato di “inottemperanza all’ordine di sospensione dei lavori”.

Le sanzioni previste per il reato di abuso edilizio sono:

  • Sanzioni penali: la pena detentiva prevista per l’abuso edilizio varia a seconda della gravità del reato. In generale, la pena prevista è l’arresto fino a due anni e l’ammenda da 5164 a 51645 euro.
  • Sanzioni amministrative: il Comune può applicare una sanzione amministrativa al proprietario dell’immobile abusivo, ordinando la demolizione delle opere abusive ed al pagamento di una sanzione pecuniaria.

La lottizzazione abusiva e confisca

La lottizzazione abusiva è punibile con l’arresto fino a due anni e un’ammenda da 15.493,00 a 51.645,00 euro.

E’ un reato che si verifica quando vengono realizzate opere di trasformazione urbanistica o edilizia in violazione delle leggi urbanistiche vigenti, con lo scopo di creare nuovi lotti edificabili. Si tratta di un reato che può avere conseguenze penali ed amministrative.

Le principali caratteristiche della lottizzazione abusiva sono:

  • Realizzazione di opere di urbanizzazione primaria o secondaria senza le necessarie autorizzazioni: in questo caso, si configura il reato di “lottizzazione abusiva senza autorizzazione”.
  • Realizzazione di opere di urbanizzazione in difformità dalle autorizzazioni rilasciate: in questo caso, si configura il reato di “lottizzazione abusiva con autorizzazione”.
  • Frazionamento di un terreno in lotti senza le necessarie autorizzazioni: in questo caso, si configura il reato di “lottizzazione abusiva cartolare”.

Il Caso del Castello delle Cerimonie

Le indagini del 2011 hanno rivelato una serie di abusi edilizi nel Castello delle Cerimonie, risalenti al 1979 su un’area di quaranta mila metri quadri.

Nel 2016, il Tribunale di Torre Annunziata ha condannato Rita Greco e Antonio Polese, moglie e fratello del “Boss delle Cerimonie” Tobia Antonio Polese.

La Corte di Appello di Napoli ha confermato la sentenza e la Corte di Cassazione l’ha resa definitiva nel febbraio 2024.

Lo Studio Legale AMP: esperti in reati del T.U. edilizia e lottizzazione abusiva

Lo Studio Legale AMP vanta una comprovata esperienza nella difesa di privati e aziende accusati di reati edilizi, tra cui abuso edilizio e lottizzazione abusiva. I nostri avvocati sono altamente qualificati e aggiornati sulle ultime normative in materia urbanistica e edilizia, e offrono un’assistenza completa e personalizzata in ogni fase del procedimento penale, dalla fase di indagine fino al giudizio definitivo.

Perché scegliere lo Studio Legale AMP:

  • Competenza specifica: i nostri avvocati sono esperti in reati edilizi e vantano una conoscenza approfondita del Testo Unico dell’Edilizia e delle relative normative.
  • Massima attenzione al cliente: offriamo un servizio personalizzato e garantiamo un costante aggiornamento sull’andamento del caso.
  • Casi risolti: abbiamo un elevato tasso di successo nel risolvere i casi di reati edilizi, come dimostra la sezione “Casi risolti” del nostro sito web.

Visita la sezione “Casi risolti” del nostro sito web per vedere come lavoriamo e per avere una panoramica dei casi di successo che abbiamo ottenuto.

Come possiamo aiutarti?